3 0

25 anni di Sailor Moon: a Torino festeggiano con una mostra

 Il 5, 6, 7 giugno 2020 non prendete impegni, amanti del fantasy e non: è arrivata la mostra che metterà d’accordo geeks e normie come mai nella storia dell’umanità è stato fatto. Questo perché, si sa, i cartoni animati piacciono a tutti, ma proprio a tutti.

A Torino, presso il Mufant, Museo del Fantastico e della Fantascienza, verrà inaugurata una mostra dedicata ai 25 anni di Sailor Moon.

Oltre all’importante ricorrenza – che è bene celebrare con le dovute maniere – l’idea dell’esposizione non è certo piovuta dal cielo, ma anzi, è nata in occasione del Loving the Alien Fest. Per suggellare il momento, è stata anche realizzata e inaugurata nel parco del museo una statua che raffigura la paladina che veste alla marinara. Non solo, alla base vi è incisa una citazione di Mary Shelley che più azzeccata non poteva essere: «È la giustizia, non la carità, che manca nel mondo».

La dolce Usagi Tsukino, meglio conosciuta come Bunny, questo lo sapeva bene ed è dal 21 febbraio del 1995, quando apparve per la prima volta sugli schermi, che continua a ricordarcelo.

Mai ci saremmo immaginati che quella buffa ragazzina delle medie, con i codini da cugina di Rapunzel, sarebbe entrata nei nostri cuori e nel nostro quotidiano, per non abbandonarli più. E invece, così è stato.

Nata dalla penna di Naoko Takeuchi, il manga prende il nome dalla divisa alla marinaretta indossata dalla guerriera lunare e dalle compagne, rielaborazione della divisa scolastica femminile obbligatoria in alcune scuole giapponesi, outfit prescelto per combattere il male e le tenebre.

Ricordate le date – dura solo 3 giorni: 5, 6, 7 giugno 2020

Credit immagine copertina

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!