0 0

Il Getty Museum invita tutti a ricreare a casa le opere d’arte più famose. I risultati non sono niente male

In questa quarantena abbiamo la possibilità di creare, inventare, realizzare, senza consumare tutto il lievito in commercio. E a proposito di mettere le mani in pasta nel cassetto della fantasia che vi parliamo della divertente challenge lanciata via Twitter del Getty Museum di Los Angeles.

L’idea dell’ente, per svegliare i propri avventori dal lockdown, è quella di ricreare in maniera casalinga dipinti e sculture. Ecco quindi che i capolavori della storia dell’arte prendono vita da coperte usate come drappi, padelle, stoviglie, divani e avanzi di cibo. I risultati, come potete vedere, sono davvero impressionanti. Sia mai che il vostro pigiamone in flanella, il letto sfatto e il calzino fantasia possano dare vita a un Rembrandt.

L’iniziativa vuole essere una soluzione alternativa a tour ed eventi virtuali che spopolano in rete – organizzati da musei, enti e vattelapesca – che cercano di mettere un cerotto sulla ferita apertasi nei cuori di tutti gli art lovers in astinenza da mostre e installazioni.

La paternità della challenge però non appartiene solo al prestigioso Getty Museum. Nei tag troviamo nomi di pagine come tussenkunstenquarantaine, Rijksmuseum e come sottolinea Artribune, anche Covidclassics.

Tutto è bene quel che finisce bene, nel rispetto del copyright. Ora, dateci dentro!

Credit immagine copertina

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!