1 0

Questa quarantena ha una sola vincitrice: la tuta

In questi giorni stavo riflettendo su una delle conseguenze generate dall’emergenza Coronavirus (una delle più frivole, indubbiamente). La moda. Pensavo a tutti gli stilisti, i brand, dall’alta moda al low cost, che per questa primavera-estate avevano preparato le loro collezioni fatte di colori accesi, tessuti leggeri, richiami al caldo, ai fiori, al mare. Ho pensato a noi, amanti dello shopping, che a quest’ora avremmo dovuto avere come unico, grave pensiero, il cambio dell’armadio. Via i maglioni natalizi, spazio a canotte e pantaloncini. Via gli stivali, bentornati sandali.

Ebbene, è facile intuire che, almeno al momento, anche questo step tradizionale delle nostre vite sia stato stravolto. La quarantena ci costringe a sfogliare pigramente i siti di moda senza però l’entusiasmo che, solitamente, spinge i fashion addicted a cliccare l’icona aggiungi al carrello. Che ce ne facciamo, adesso, di abitini, zeppe, borse in paglia, costumi da bagno? Magari tutto cambierà a breve e ad agosto saremo a Riccione a prendere il sole e a ripensare con sollievo a questi mesi assurdi finalmente passati. Ma, al momento, questa immagine sembra lontana. E allora, al posto dei capi modaioli tipici di questa stagione, non ci resta che guardare qualcosa di comodo, pratico, perfetto per stare in casa ma pure per portare fuori il cane o buttare la spazzatura. Qualcosa che già da settimane influencer e blogger di moda sfoggiano con stile, e che sta prendendo sempre più piede nelle nostre fantasie fashion: la tuta.

Dati alla mano, le vendite di tute e capi comodi sono letteralmente schizzate. Lo afferma il sito Net-à-Porter, che ha registrato un incremento del 40% nelle vendite online di pantaloni della tuta. Non solo: anche Amazon ha confermato che le vendite di tute, magliette bianche, calzini e pigiami hanno subito un’impennata. I brand, quindi, non possono fare altro che registrare questa tendenza e andarle incontro. Non so voi, ma a me continuano ad arrivare newsletter da diversi marchi (quelli dai quali acquisto più frequentemente) che mi propongono capi comodi ma comunque stilosi: magliette, sia basiche che a fantasia, e soprattutto tute, meglio se sui toni pastellati. Su Instagram, poi, vip e influencer cavalcano la tendenza, ispirando chi li segue. Pure io, che ho sempre avuto una certa repulsione per il capo (la accettavo giusto su Mel C) sto iniziando a guardarla con interesse, sfogliando i vari cataloghi online con la seria intenzione di farmi un piccolo set di indumenti comodi da sfoggiare in casa. Se poi pure la guru delle guru, Anna Wintour, interviene a sdoganare la tuta, allora ciao. Già, perché la direttrice di Vogue USA è apparsa sui social proprio con un comodo pantalone rosso e bianco e un maglione, stile Freddy Krueger. Insomma, il look è opinabile, però significativo di una tendenza che, volenti o nolenti, ci sta contagiando tutti. E tuta sia, allora. Vado a cliccare anche io su aggiungi al carrello, così non ci penso più. Perché comodi sì, ma sempre con stile.

Articolo scritto da Wendy Migliaccio

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!