0 0

La folle, comica notte di tre ladri pasticcioni a Empoli

Una notte da dimenticare per tre malviventi in quel di Empoli. Complice la quarantena, i furboni credevano di poter raggiungere i propri obiettivi senza grandi ostacoli. Convinti di essere Lupin&Co, si sono invece si dimostrati molto meno scaltri della Banda Bassotti. Ma andiamo con ordine e vediamo cosa è successo.

All’una di notte tra il 23 e il 24 aprile, due ladruncoli hanno usato un carro attrezzi (giusto per non farsi notare) rubato a Montelupo, nei pressi di Empoli, per sradicare lo sportello automatico di un bancomat a Pozzale e intascarsi così tutto il bottino. Peccato che tanti residenti abbiano sentito il baccano e si siano affacciati addirittura a riprendere la scena. Prevedibile, quindi, l’arrivo della polizia che ha costretto i due a mollare il bottino (65mila euro) sul carro attrezzi e darsela a gambe con un terzo complice a bordo di una Lancia Y grigia, rubata sempre nell’officina di Montelupo.

Finita qui? Macché. È iniziato un inseguimento di 5 chilometri che però si è concluso con la caduta dei tre fuggitivi dentro un fossato, l’alveo del fiume Ormicello. Per la serie Prova a prendermi – il ritorno, i malviventi non si sono persi d’animo e hanno continuato la fuga a piedi, facendo perdere le proprie tracce alla polizia. Più o meno. Già, perché alle 4.30 alla centrale operativa è arrivata la segnalazione di un fuoristrada grigio e nero lasciato sui binari tra Cambiano e Castelfiorentino, dopo aver impattato con un treno regionale diretto a Siena. Ma cos’era successo? In sostanza i tre furboni hanno rubato un altro veicolo per dirigersi verso la Val d’Elsa. Dopo essere saliti sui binari e aver percorso un tratto lungo la strada ferrata, il fuoristrada li ha lasciati a secco. Benzina finita. I tre sono allora fuggiti per andare a rubare un’altra auto, una Opel Astra sw grigia, con la quale sono infine riusciti a far perdere le proprie tracce. Il fuoristrada abbandonato sulle rotaie, però, ha intralciato la rotta del treno diretto a Siena; fortunatamente lo scontro non ha causato feriti.

Al momento le indagini sono ancora in corso: riuscirà la polizia a scovare i tre ladri pasticcioni? Vista la quantità di casini ci auguriamo di sì…

Articolo scritto da Wendy Migliaccio

Tags:
Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!