1 0

Italiani pizza, quarantena e fetish: boom di ascolti per il programma televisivo dedicato ai piedi

Potere dell’alluce valgo vieni a me! Chi l’avrebbe mai detto che in questa quarantena, a sciogliere in brodo di giuggiole gli italiani più del vibratore rabbit e della pizza fatta in casa, sarebbe stato un programma televisivo sui piedi!

Ipercheratosi, piede d’atleta, micosi purulente, placche callose grosse quanto lo stretto di Messina, venghino signori, venghino: il party tra parenti si consuma dall’altro lato dello schermo piatto e si chiama Piedi a Limite. Si tratta della medical serie in onda su Real Time, canale che non manca di regalarci perle degne di essere incorniciate di fianco a un Picasso.

I pietini, come ama chiamarli il popolo fetish, solitamente nascosto nelle pieghe dell’internet o nei dm di qualsiasi ragazza che abbia mai postato una foto con dei sandali, finiscono sotto i riflettori e diventano così protagonisti indiscussi di un programma televisivo che ne esplora malattie e malformazioni.

La serie, un mix inquietante tra Vite al Limite e Malattie Imbarazzanti, nasce negli Usa con il titolo originale di My feet are killing me, ovvero I miei piedi mi stanno uccidendo. A condurla sono i giovani chirurghi podologi Brad Schaeffer (36 anni) che lavora a Hillsborough Township nel New Jersey, e la dottoressa Ebonie Vincent, 33enne che opera in uno studio a O.C in California.

Dimenticatevi delle foto dei piedi da inviare con cui avreste potuto metter su un impero: la visione di questo programma è sconsigliata ai deboli di stomaco. Operazioni, interventi da cardiopalma e patologie assurde sono all’ordine del giorno e senza alcuna pixelatura. Nonostante questo piccolo particolare, gli italiani non si sono certo tirati indietro e anzi, hanno parecchio gradito. A darne prova è lo share: il 27 aprile si è raggiunto il 2.5% ovvero mezzo milione di spettatori. Colpa della noia o delle troppe repliche? Chissà.

Dopotutto, a ciascuno il suo… Feticismo.

Credit immagine copertina

Commenti Facebook

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!