0 0

Scene da fase 2: in Lombardia le code fuori dai McDonald’s sono chilometriche

Entrati ufficialmente nella fase 2 dell’emergenza sanitaria provocata dal Coronavirus, le notizie delle lunghe code per il McDonald’s (McDrive, ovviamente) rimbalzano da un territorio all’altro.

Le abbiamo viste prima in Francia, poi a Bari e infine anche nella nostra Lombardia. Una notizia che ha creato non poche polemiche, soprattutto da parte di coloro che non vedono necessario uno spostamento per andare a prendere la cena al McDonald’s. Però a quel punto il principio varrebbe per qualsiasi ristorante, no? Si può fare, se uno ha voglia di starsene in coda in macchina in solitudine o in compagnia di congiunti che male c’è? La verità è che si tratta di un fenomeno che riflette una parvenza di normalità. Evviva.

In questi giorni sono state segnalate lunghe code a Como, Milano, Lodi, Pavia, Gallarate, Magenta, ma anche a Legnano. Il tutto – ricordiamo – nel pieno rispetto delle norme sanitarie.

Bene così, per una volta.

Articolo scritto da Francesca Solazzo

Commenti Facebook

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!