2 0

Sì, Elon Musk e Grimes hanno chiamato il proprio figlio X Æ A-12. Ma che vuol dire?

 X Æ A-12 è un nome proprio di persona, non uno stratagemma pittoresco per ricordare la password di qualche caveau top secret disperso nelle lande del Venezuela. Nemmeno un codice alfanumerico targato Matrix per il controllo della mente umana. È semplicemente il nome del bebè nato dall’amore tra il milionario Elon Musk e la cantante pop Grimes. Un figa ma come vi è venuto? ci esce proprio spontaneo.

Se nomi famosi come Chanel, Nathan Falco e compagnia cantante ci hanno fatto accapponare la pelle giusto quel tantino, non dimentichiamoci che oltreoceano ne sanno un sacco in più in tema di stramberie anagrafiche. Avere un nome improponibile quanto unico, da affibbiare al proprio inconsapevole pargolo, sembra quasi essere un diktat in uso fra le celebrities: ne sono un esempio lampante North West, Blue Ivy Carter-Knowles, Kal-El Cage, Kulture Kiari, Stormi Webster.

Elon Musk e Grimes, strambi sotto diversi punti di vista, non si sono certo tirati indietro. Sebbene X Æ A-12 sembri essere il risultato di un ubriaco messo davanti a una tastiera, ogni carattere che lo compone ha un preciso significato.

A spiegarlo a spada tratta, o almeno a provarci, è stata la stessa Grimes via Twitter: «X, la variabile sconosciuta; Æ, la dicitura elfica di Ai (amore e/o intelligenza artificiale); A-12, il pecursore dell’SR-17 (il nostro velivolo preferito). Niente armi, niente difese, solo velocità. Forte in battaglia ma non violento».

Per ora ci sembra di essere nel sequel futurista de Il Signore degli anelli.

Non è finita. Nel tweet si trova anche un’aggiunta con tanto di emoji: «+ A (Archangel, la mia canzone preferita) topo di metallo». Leggendo tra le righe, il bebè potrebbe essere il più prossimo successore del Maestro Yoda, con quel tocco di Transformers che rende tutto più metal.

Si ok, ma la pronuncia?

Credit immagine copertina

Commenti Facebook

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!