0 0

Arrivano le candele anti nostalgia che profumano dei posti che ci mancano di più

Anche se la quarantena ce la stiamo lasciando (speriamo) alle spalle, è impossibile affermare che la vita sia tornata alla normalità. Sì, ok, i bar hanno riaperto ma ci sono mille restrizioni. Della serie prendi il caffé e scappa. Distanze, mascherine e mille altri sbattimenti ci aspettano nei negozi, nei cinema, dal parrucchiere e in quei luoghi prima così familiari e rassicuranti. Diciamocelo, non sarà la stessa cosa. Ebbene, c’è chi ha trovato una soluzione per tutta questa nostalgia.

Si tratta di una collezione di candele creata dal team di creativi inglesi dell’agenzia Uncommon. Si chiama Scents of Normality ed è una linea pensata proprio per regalare fragranze che ricordino i nostri posti del cuore, quelli che ci sono mancati di più durante il lockdown. Al momento le candele disponibili sono tre: cinema, locale e festival musicale.

Cinema: richiama l’atmosfera delle sale, l’odore di popcorn, hot dog e poltroncine sulle quale spaparanzarsi e sfondarsi di schifezze. Solo a scriverlo scatta automatica la lacrimuccia.

Il locale: racchiude note di birra in bottiglia, gel per capelli, sigarette e patatine, con una base pungente di parquet e tappeto. Difficile immaginarselo, ma ci fidiamo.

Festival: erba tagliata, sidro scaldato al sole e un retrogusto di cannabis. Che, effettivamente, non fa una piega. Adatto anche alle influencer in astinenza da Coachella.

L’idea è indubbiamente intrigante ma anche molto nobile: il ricavato dalle vendite sarà devoluto a Hospitality Action, azienda inglese che aiuta chi lavora nell’ambito dell’ospitalità (cuochi, camerieri, baristi, receptionist) e che quindi è stato costretto all’inattività a causa dell’emergenza Coronavirus. Solo un appunto: per le prossime candele suggeriamo quella all’odore di aperitivo, con un sentore di Navigli e Spritz, quella che sa di ufficio, con un misto di caffé scadente e cibo take away, e la candela tangenziale, che racchiude toni di Arbre Magique e smog. Figata.

Commenti Facebook

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!