1 0

Estate a Milano: in Porta Nuova apre “Lido Bam”, una spiaggia tra i grattacieli

A Milano manca solo il mare, dicevano? Bè, in qualche modo si può fare anche senza, soprattutto in questa strana estate in cui andare in vacanza ci manda più in sbattimento di quanto ci entusiasmi. A Porta Nuova, nella Biblioteca degli alberi dove le influencer vanno a farsi le foto con i fiorellini, sta per aprire Lido Bam, una spiaggia verde dotata di un’ottantina di ombrelloni.

“Perché molti non partiranno”, ha spiegato Kelly Russell, direttore generale della Fondazione Riccardo Catella, “Così abbiamo pensato di disegnare la dimensione estiva della Biblioteca degli Alberi […] Con la fine del lockdown, la gente ha invaso i parchi e non le boutique di Monte Napoleone: c’è bisogno di aria, di natura”.

Se state pensando che è una figata ma siete in paranoia per i possibili assembramenti, tranqui. Si sta valutando di piazzare colonnine con gel igienizzante, oltre che di sanificare continuamente gli spazi e inserire steward che gestiscano eventuali code o affollamenti. “Domenica lanceremo anche la nuova app di Porta Nuova per prenotare i posti ed evitare pure le code per entrare nei negozi del quartiere. Funzionerà anche per partecipare agli eventi in programma nel nostro palinsesto e prenotare gli ingressi al Lido”, ha spiegato Catella.

Ok, bello, ma in sostanza come funziona? Basterà pagare un gettone d’ingresso per prenotarsi, una cifra intorno ai cinque euro, e con la tessera Bam Friends si potranno avere anche sconti o pass gratuiti. Ognuno avrà due sdraio, prenotabili per un giorno o mezza giornata. Nessun pericolo di annoiarsi perché si potranno svolgere un sacco di attività: yoga, workshop, partitelle a bocce. Il tutto pensato pure per distrarre i bambini e lasciare i genitori a godersi un po’ di relax. E intorno al Lido, chioschi per mangiare e bere. Ma chi ci vuole andare a Formentera?

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!