0 0

Prendete nota: in Islanda apre “Sky Lagoon”, la laguna termale con vista oceano e aurora boreale

Giusto per farci del male, andiamo a vedere cosa di bello offrirebbe il mondo se solo potessimo viaggiare. O se non fosse l’anno di merda che in effetti è. Massì, usiamo un po’ la fantasia, dai: voliamo in Islanda, tra le mete più affascinanti (e care) che ci siano.

Che bellezza l’Islanda, tra strade infinite, parchi, cascate e cieli che sembrano dipinti. Ah, e poi ci sono le sorgenti termali. Che dopo una lunga camminata sono il top. Molti conosceranno la Laguna Blu, la più importante dell’isola e sicuramente una delle più famose (e fotografate) al mondo. Bene, sappiate che nel 2021, quando presumibilmente questo virus ce lo saremo tolto dai maroni, è prevista l’apertura di una nuova laguna geotermica: vista sull’oceano – magari pure sull’aurora boreale – e suggestivo bar con piscina dove sorseggiare uno Spritzettino. O quello che si beve lì. La società Pursuit ha ribattezzato questo nuovo paradiso Sky Lagoon.

“Questo posto permette agli ospiti di connettersi con la mente, il corpo e lo spirito attraverso i poteri radianti delle acque geotermiche, godendo di una vista sull’oceano impressionante”, ha affermato Dagny Petursdottir di Sky Lagoon. E in effetti come idea per le vacanze 2021 ci sta tutta: tra virus, crisi, lavoro, quarantena, mascherine e ansia da assembramento, quanto bisogno abbiamo di staccare completamente la spina e rilassarci fino al midollo?

Facciamoci venire l’aquolina in bocca, dai: Sky Lagoon sorgerà nel porto di Kársnes, a Kópavogur, a pochi minuti da Reykjavik. Così si può fare un bel planning, terme e poi seratina nella capitale. Il centro termale sarà dotato di una piscina a sfioro di 70 metri, una con acqua fredda, sauna, bar direttamente nella laguna, ristoranti e negozi per comprare giusto sette o otto souvenir. Ci facciamo un pensierino per l’anno prossimo?

Tags:
Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!