2 0

Cercate lavoro? Un’azienda offre 10mila dollari per “fare la cacca”

In tempo di crisi è meglio non essere troppo schizzinosi. Il Coronavirus ha messo in ginocchio tanta gente, che si è ritrovata improvvisamente senza lavoro, precaria o in cassa integrazione. Fortunatamente in giro c’è ancora chi offre un’occupazione. Oh, poi se si tratta di un lavoro di merda, almeno che sia ben pagato. Sappiate allora che l’azienda statunitense Tushy, che produce bidet e sanitari, offre 10mila dollari per tre mesi di lavoro: dovrete solo fare la cacca e documentare il magico momento trascorso sul water sugli account social del marchio.

Ok, detta così può sembrare un po’ trash, ma pensiamoci un attimo. Quanta gente sui social pubblica cagate dalla mattina alla sera? Tanto vale farlo in senso letterale, magari pure con stile, perché no. La posizione offerta è quella di VP of Fecal Matters, ma attenzione: il termine ultimo per inviare la propria candidatura è il 7 luglio. “Tutto quello che devi fare è fare la cacca ogni giorno per tre mesi e registrare ciò che stai facendo”, ha spiegato chiaramente il fondatore di Tushy, Miki Agrawal.

In sostanza verranno osservate le differenze tra l’uso di carta igienica normale e i prodotti per la pulizia forniti dall’azienda. Alla fine ci sono lavori peggiori, dai. “Volevamo fare qualcosa che offrisse un po’ di leggerezza e divertimento mentre le persone sono senza lavoro”, ha spiegato Agrawal. Chissà se si tratta effettivamente di un impiego divertente. Di certo non sarà particolarmente complicato. Per candidarsi basta avere un sedere ha spiegato il CEO di Tushy Jason Ojalvo. E chiaramente non avere problemi di timidezza, “perché parlerai delle tue abitudini in bagno”.

Il lavoro vi stuzzica? Allora non vi resta che presentare un “video di 60-90 secondi che spieghi perché potreste essere perfetti per il ruolo di VP of Fecal Matters di Tushy. Potreste scoprire che in realtà il lavoro dei vostri sogni è sempre stato, in fondo, una cagata pazzesca.

Tags:
Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!