0 0

“Non mettetevi il deodorante sui mezzi”: la campagna tedesca per invogliare all’uso delle mascherine

C’è una caratteristica che accomuna tutti i mezzi pubblici del mondo. Dai più lenti ai più veloci, dai più tecnologici ai più arrugginiti: quel sentore di sudore che ti avvolge come un manto nelle ore di punta. Dai, vi sarà capitato almeno una volta di infilarvi a forza nella metro alla fermata Duomo, schiacciati tra sconosciuti dalla dubbia igiene. E che dire dell’atmosfera cosmopolita che si respira sulla 90 alle 8 del mattino?

Ebbene, quei furboni dei tedeschi hanno deciso di sfruttare a loro vantaggio questa skill dei mezzi pubblici. Per combattere la diffusione del Coronavirus, la società che gestisce i trasporti pubblici a Berlino, la BVG, ha lanciato una campagna ironica ma decisamente d’impatto, nella quale invita i cittadini a non utilizzare più il deodorante in metropolitana, sugli autobus e sui tram. Più puzza e fetore uguale più mascherine ben calcate su naso e bocca.

Purtroppo sono ancora in tanti (pure da noi eh) a snobbare la mascherina, tenendola sul braccio, sul mento, sul collo, tra i capelli, insomma… ovunque tranne che in faccia. E poi ci sono quelli convinti di essere i più sgamati, che con la mascherina si coprono la bocca ma non il naso, rendendo di fatto inutile l’uso della protezione. Incoraggiando i cittadini a non usare più il deodorante, quindi, Berlino spera di sensibilizzare anche i più pirla a coprirsi con la mascherina bocca e soprattutto narici.

“Dato che tante persone pensano di indossare le mascherine tenendole al di sotto del naso, passiamo alle maniere forti”, è il commento che ha accompagnato il lancio della campagna sui social media. E poi ancora altri moniti: “Non ci lasciate altra scelta“, “Allora? Vuoi davvero tenere ancora il naso fuori?”. Altro che altolà al sudore… se la puzza può abbattere il virus, largo alle ascelle pezzate.

Tags:
Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!