0 0

Al Bano: “Con 1470 euro di pensione non riuscirei nemmeno a pagare il caffè agli amici”

Albano is on fire, come dicono gli americani. 

Giusto il tempo di metabolizzare il suo revisionismo preistorico e quel “l’uomo ha distrutto i dinosauri, batterà il coronavirus”, pronunciato tempo fa, ed eccoci qui a commentare l’ennesima uscita della leggenda pugliese. 

Pochi giorni fa, in un’intervista ai microfoni di Radio 2, Albano è tornato a parlare della sua pensione e di una vecchia dichiarazione in cui sostanzialmente si lamentava dell’esigua somma ricevuta ogni mese. 

Solo lo scorso maggio, infatti, il cantante, in un’intervista rilasciata al settimanale Diva e Donna, si è detto preoccupato per la propria situazione economica: “Se un giorno dovessi vivere di sola pensione non me la passerei tanto bene. Il mio assegno ammonta a 1470 euro al mese. Fino a qualche mese fa erano soltanto 1370.”

Ed eccoci quindi alla recentissima intervista alla radio e a questo secondo capitolo di Al Bano vs Le Forze dell’INPS, avvenuto nel corso della trasmissione I Lunatici. Qui la leggenda Pugliese, sapientemente incalzata dal giornalista, è tornata sul tema. 

“Mi è stato chiesto se ce la farei a vivere con la pensione. Ho risposto no, non si può vivere con 1470 di pensione. È dal ’57 che verso contributi, considerata la mia posizione… neanche il caffè per gli amici ci pago”.

Olé, anche per questo mese i meme sono salvi. 

Il giornalista, poi, consapevole di essere al cospetto di una leggenda dell’affermazione fuori luogo, rincara la dose probabilmente nella speranza che il cantante pugliese perda completamente la brocca: “Come è possibile che Albano Carrisi, che ha fatto la storia della musica italiana, che è al top (?) da decenni prenda solo 1470 euro di pensione. È quella la notizia”. 

Al Bano allora, spalleggiato dal conduttore, assume l’atteggiamento finto umile del perseguitato politico che non vuole cedere al vittimismo: “Pensa che io non ho mai reagito. Ho avuto cose molto più dure da affrontare. Ma poi, io ho solo risposto alla domanda di un giornalista!”. 

Mortificato dai vili sfottò causati dal circo delle sue sue affermazioni, il pugliese si è poi cancellato dai social. 

Una decisione che ha scelto di commentare così: “Mi hanno attaccato sui social, ma tanto sappiamo come sono gli esseri umani. Ci sono quelli normali e quelli che la normalità non sanno cos’è. Guarda cosa è successo al povero Willy.”

La connessione tra il povero Willy e la pensione ancora ci sfugge, ma attendiamo future delucidazioni. 

Caro Al Bano, non riesci a vivere con 1470 euro? C’è una soluzione.

Un training finanziario con mia nonna. Mia nonna riceve 800 euro di pensione ma, nonostante questo, riesce a inventarsi una scusa per darmi 200 euro ogni volta che mi vede.

Penso che se le metti a disposizione i tuoi 1470, ci scappa un Maserati.

Fammi sapere che faccio un gruppo su Whatsapp!

Tags:
Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!