1 0

Si conoscono via balcone durante il lockdown e ora si sposano: la strana ma romantica storia di due veronesi

L’amore al tempo del Covid non poteva che scagliare le sue frecce nella città di Giulietta, Verona. Quella che sembra essere una perfetta trama da commedia all’italiana è in realtà una storia vera che vede come protagonisti due ragazzi comuni.

Nessun Raul Bova e Paola Cortellesi dietro le finestre, insomma, ma Paola Agnelli (40 anni) e Michele D’Alpaos (38 anni) direttamente dai loro balconi. I due infatti si sono conosciuti in pieno lockdown – o confinamento come ci tiene a precisare La Crusca – in uno degli eventi canori in programma quotidianamente alle 18. Nonostante abitassero nella stessa via e fossero vicini di casa, i ragazzi non non si erano mai filati prima di allora, come da galateo del perfetto vicino di casa-non vicino.

Canta oggi e canta domani si sono innamorati, passando da perfetti sconosciuti che non condividevano nemmeno l’ossigeno nel pianerottolo, a coppia felice. Galeotto fu quel 17 marzo quando, grazie allo zampino della sorella violinista di lei, che si era cimentata in We are the champion, Michele ha notato Paola e ha deciso senza indugi di contattarla via Instagram.

Dopo mesi di telefonate, videochiamate, messaggini pucci pucci e persino un romantico striscione appeso per la sua Paola, il 4 maggio Michele ha finalmente incontrato la sua bella. Per gli scettici, sappiate che non si è trattato di un momento di debolezza: hanno intenzione di sposarsi. Ancora non è stata scelta una data, ma questo matrimonio s’ha da fare. Dove? Su un terrazzo, ovviamente!

Per restare fedeli e coerenti al modo in cui si sono conosciuti, durante un’intervista per il Time, Paola ha dichiarato: “Ci sposiamo, tutto quello che dobbiamo fare è fissare la data. Stiamo considerando una cerimonia sulla grande terrazza sul tetto del mio edificio“.

Onesto.

Credit immagine copertina

Tags:
Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!