0 0

Auguri M2! La Verde ne ha fatti 50: ecco tutte le novità che la interesseranno

40 km di binari, 35 stazioni, 120 milioni di passeggeri solo nel 2018. La signora in verde – la linea metropolitana più lunga dell’intera rete milanese – che di giorno in giorno ci accompagna e trasporta più o meno dolcemente e rapidamente in quelle che sono le tappe principali della nostra vita, ha spento 50 candeline.

Se conoscete a memoria tutta la manfrina recitata dall’altoparlante, “Attenzione, treno in transito. Allontanarsi dalla linea gialla di sicurezza” – per quanto vi faccia girare le balle ATM con scioperi e compagnia bella – volente o nolente siete profondamente affezionati alla cara vecchia M2.

Credit immagine

La metropolitana verde di Milano il 4 ottobre 2019 ha festeggiato mezzo secolo di storia, viaggi e scioperi (se proprio vogliam dar subito un taglio alle sviolinate). In occasione di questa ricorrenza, Atm e Comune hanno deciso di regalare un ritocchino da 540 milioni di euro a questa bella signora, dando una spianata alle rughe che le increspavano linea e facciata.

Come? Con queste novità:

1_Nuovi treni di ultima generazione. Dodici nuovi Leonardo da 87 milioni di euro si andranno ad aggiungere ai 34 già in servizio. L’obiettivo è rinnovare completamente il parco mezzi (60 attuali), potenziando il numero delle corse.

2_Verrà installato un sistema di segnalamento che garantirà una maggiore frequenza dei treni (da 150/120 secondi a 90 secondi), comportando un maggior numero di passeggeri a bordo. Fermi, fermi: la gara è partita lo scorso inverno.

3_ Ammodernamento della rete elettrica e accessibilità-abbattimento delle barriere architettoniche tramite la realizzazione di ascensori ecc.

4_Impermeabilizzazione delle gallerie: ricordate l’interruzione Loreto-Udine di questa estate? Bene, verrà replicata ad agosto 2020 per terminare i lavori di riqualifica.

5_Tra gli interventi più importanti che faranno gioco a possibili trasferimenti in quel di Giargialand per chi vuole scappare da Milano, questi sono i futuri prolungamenti e le conseguenti nuove fermate che interesseranno la linea . (Aprite il link, beluga!)

Credit immagine

Un po’ di storia, ora, che non guasta mai.

La Verde, nella tratta tra Cascina Gobba e Caiazzo, è stata aperta al pubblico nel settembre 1969. Sebbene viene indicato il giorno 27, l’inaugurazione ufficiale avvenne il 4 ottobre, come riportato sulle locandine dell’epoca.

A dare il benvenuto a quello che veniva considerato un passo avanti per risolvere i problemi del traffico e collegare la città con la sua regione furono il presidente della Repubblica Giuseppe Saragat e le principali istituzioni. Per la conformazione attuale della linea, però, bisognerà aspettare il 20 febbraio 2011, quando venne aperta la nuova diramazione tra Famagosta e Assago – Milanofiori Forum. Con questa aggiunta, la linea verde si portò a casa il titolo di più lunga, battendo le altre colorate colleghe. Un’altra particolarità è che scorre anche in superficie. Se non ve ne siete mai accorti, è perché non vi siete spinti fin laggiù.

Ma ora basta, vediamo il fumo uscirvi dalle orecchie.

100 di questi anni, cara signora in verde!

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!